Danubio (salato)

bollito di manzo
danubio salato

  • Difficoltà: 4 su 5
  • Origine: Napoli
  • Quando si prepara: in occasione di feste
  • Come si gusta: assolutamente da strappare con le mani, in compagnia di amici

Tempo di preparazione: circa un’ora

Tempo di cottura: 25 minuti

Ingredienti per 1 Danubio:

  • 25g Lievito di birra (un cubetto)
  • 500g di farina manitoba
  • Zucchero
  • Acqua
  • Sale
  • Burro
  • 2 uova
  • Latte
  • Scamorza, fontina
  • Prosciutto, salame, pancetta

Preparazione:

  1. Versare nella planetaria la farina, il lievito sbriciolato, lo zucchero, l’acqua, l’uovo e il latte. Far partire la planetaria a media velocità con il gancio e lasciare che gli ingredienti si mescolino per circa 10 minuti.
  2. Tagliare il burro a pezzettini piccoli. Iniziare ad aggiungere, con la planetaria in movimento il burro un pezzetto alla volta, aspettando che ogni pezzetto si inglobi all’impasto completamente. Terminato il burro, aggiungere il sale e lasciare girare ancora per 30 secondi.
  3. Prendere l’impasto ed effettuare la “pirlatura ” (generare una sfera girando l’impasto su di un piano, spingendo verso il basso con le dita durante la rotazione).
  4. Versare un po’ di farina in una ciotola e appoggiarci la “palla” ottenuta. Coprire con della pellicola e lasciare riposare in forno spento, ma con la luce accesa e una ciotola con dell’acqua per circa 15 minuti.
  5. Intanto tagliare il formaggio e gli affettati a cubetti.
  6. Prendere un pezzo di impasto di 25g e creare delle “rondelle” con le mani, aggiungere un po’ di formaggio e un po’ di affettato e chiudere l’impasto creando una pallina. Creare tante palline fino a finire l’impasto.
  7. In una teglia rotonda foderata con della carta da forno, adagiare le palline, partendo dal bordo e metterle una vicina all’altra. Finito il primo cerchio continuare facendo altri cerchi verso l’interno.
  8. Lasciare lievitare per un’altra ora e poi infornare con forno già caldo a 180°C per 25 minuti.
  9. Servire su un piatto da portata. Ogni commensale strapperà una pallina con le mani.

NOTA: sapevate che il nome originale era Buchteln e comparve a Napoli negli anni ’20 grazie a Giovanni Scaturchio, un pasticcere di origine calabrese. Qualcuno dice pero’ che la comparsa del Danubio risale ad ancora prima, durante il regno dei Borbone, quando nel 1768 il Re Ferdinando IV prese in sposa Maria Carolina D’Asburgo-Lorena, che portò con se dei cuochi viennesi, che fusero la cucina austriaca con quella napoletana con quello che prese il nome appunto di DANUBIO.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...