Arrosto di noce di vitello al vino rosso

Arrosto al vino rosso

Arrosto al vino rosso


  • Difficoltà: 4 su 5
  • Origine: Italia
  • Quando si prepara: per il pranzo della domenica
  • Come si gusta: con vino rosso e formaggi

  • Tempo di preparazione: 10 minuti
  • Tempo di cottura: 80 minuti
  • Ingredienti per 4 persone:
    • Una noce di vitello (un chilo circa)
      Un bicchiere di vino rosso
      Brodo di carne
      Una noce di burro
      2 cucchiai di olio evo
      Farina
      Un rametto di rosmarino
      Una foglia di alloro
      Uno spicchio d’aglio
      Origano qb
      Sale qb
      Pepe qb

    Preparazione:

    1. Legare la carne (o farsela legare dal macellaio).
    2. Spolverare la carne e massaggiarla con sale e pepe e origano.
    3. In una pirofila o casseruola (che poi andrà in forno) aggiungere l’olio, il burro e lo spicchio d’aglio intero.
    4. Accendere la fiamma 🔥 alta e inserire la carne. Farla rosolare qualche minuto su tutti i lati, in modo da sigillarla per farle conservare i liquidi.
    5. Aggiungere la foglia d’alloro e il rosmarino. Aggiungere anche il vino rosso. Sfumare.
    6. Togliere l’aglio. Aggiungere 2 mestoli di brodo e infornare a 180°C per 70 minuti. Girare la carne frequentemente e qualora mancasse liquido, aggiungere del brodo.
    7. Terminata la cottura, far riposare l’arrosto per 10 minuti.
    8. Rimettere la pirofila o casseruola con il liquido di cottura della carne sul fuoco a fiamma bassa, aggiungere un po’ di farina per addensare la salsa. Mescolare per qualche minuto.
    9. Affettare l’arrosto e metterlo in un vassoio. Aggiungere un po’ di salsa di vino e il resto della salsa versarlo in una salsiera da servire con l’arrosto.

    Note: la noce di vitello è detta anche girello ed è ideale per gli arrosti per la sua forma. Nulla vieta però di usarlo anche per creare delle fettine da grigliate o cuocere tipo pizzaiola.

    Carpaccio di pesce spada affumicato

    Carpaccio di pesce spada affumicato
    Carpaccio di pesce spada affumicato

    • Difficoltà: 2 su 5
    • Origine: italia
    • Quando si prepara: d’estate
    • Come si gusta: con un buon vino bianco

    Tempo di preparazione: 10 minuti

    Tempo di attesa: 3 ore

    Ingredienti per 2 persone:

    • 200g di pesce spada affumicato
    • Un limone 🍋
    • Un ciuffetto di prezzemolo
    • 2 cucchiai d’olio
    • Formaggio grattugiato

    Preparazione:

    1. Adagiare le fette di spada su un piatto grande da servizio.
    2. In una ciotola spremere il limone, aggiungere l’olio ed emulsionare bene.
    3. Tritare sottilmente il prezzemolo.
    4. Versare l’emulsione di olio e limone sulle fette di pesce spada.
    5. Aggiungere una spolverata di prezzemolo tritato e di formaggio grattugiato.
    6. Mettere in frigo per circa 3 ore e poi servirlo.

    Nota: l’attesa di 3 ore in frigo serve a far “cuocere” il pesce con il limone. Risulterà così molto più saporito. Volendo di può guarnire il piatto con delle foglie di sedano, l’effetto sarà ancora più bello.

    Polpette di legumi al forno con yogurt greco alla menta

    Polpette di legumi con yogurt greco alla menta
    Polpette di legumi con yogurt greco alla menta

    • Difficoltà: 3 su 5
    • Origine: italia
    • Quando si prepara: quando hai voglia di leggerezza
    • Come si gusta: anche così com’è da solo

    PIATTO VEGETARIANO 🌱


    Tempo di preparazione: 20 minuti

    Tempo di cottura: 10 minuti

    Ingredienti per 4 persone:

    • 70g di ceci lessati
    • 70g di piselli lessati
    • 70g di fagioli cannellini lessati
    • 150g di zucchine
    • 150g di carote
    • 50g di formaggio grattugiato
    • 3 uova 🥚
    • Pangrattato integrale qb
    • Peperoncino qb
    • Sale qb
    • 2 cucchiai di semi di sesamo
    • 250g di yogurt greco
    • Un ciuffo di menta

    Preparazione:

    1. Scolare i fagioli, i piselli e i ceci.
    2. Lessare le zucchine e le carote 🥕 (cuocerle per 5 minuti in acqua bollente).
    3. Tritare le verdure e i legumi.
    4. Mettere il trito in una ciotola e aggiungere un uovo, il formaggio grattugiato , il peperoncino 🌶 e mescolare per amalgamare il tutto.
    5. Creare con l’impasto delle polpette.
    6. In una ciotola sbattere le rimanenti 2 uova 🥚 è in un’altra unire il pangrattato e i semi di sesamo mescolandoli bene insieme.
    7. Passare le polpette nell’uovo e poi nel pangrattato.
    8. Mettere le polpette in una teglia da forno ricoperta di carta da forno.
    9. Infornare per 10 minuti a 200°C con forno già caldo.
    10. Tritare la menta e unirla allo yogurt greco. Mescolare.
    11. Servire le polpette su un piatto da portata aggiungendo un po’ del composto di yogurt e menta.

    Nota: le polpette si potrebbero anche friggere nell’olio, ma il piatto perderebbe la sua leggerezza.

    Involtino ai formaggi di bresaola e prosciutto cotto

    Involtino  ai formaggi di bresaola e prosciutto cotto
    Involtino ai formaggi di bresaola e prosciutto cotto

    • Difficoltà: 2 su 5
    • Origine: la mia testa
    • Quando si prepara: quando fa veramente caldo
    • Come si gusta: con una birra ghiacciata

    Tempo di preparazione: 15 minuti

    Ingredienti per 4 persone:

    • 50g di formaggio tipo emmental
    • 200g di pomodorini ciliegino
    • 4 fette di bresaola
    • 4 fette di prosciutto cotto
    • 160g di Philadelphia (o formaggio spalmabile)
    • Un ciuffo di prezzemolo
    • 1 spicchio d’aglio
    • Sale qb
    • Qualche ciuffo di valeriana (per guarnire il piatto)

    Preparazione:

    1. Frullare il prezzemolo, l’aglio, i pomodorini. Aggiungere la Philadelphia e frullare ancora qualche secondo.
    2. Tagliare a cubetti piccoli l’emmental.
    3. In una ciotola trasferire la crema di Philadelphia e unire i cubetti di emmental, aggiustare di sale. Mescolare con il cucchiaio.
    4. Aprire le fette di prosciutto e bresaola su un piano di lavoro.
    5. Spalmare sopra ogni fetta uno o due cucchiai di composto di formaggio.
    6. Arrotolare con delicatezza le fette, rinchiudendole su se stesse.
    7. In un piatto da portata stendere un letto di valeriana e metterci sopra un involtino di prosciutto e uno di bresaola.
    8. Servire freddo.

    Nota: questo piatto è più un apericena, ma se aumentate la quantità degli involtini per porzione si trasforma in un secondo piatto fresco e buono.

    Variante dei saltimbocca di vitello, con crema di cipolla, salvia e pomodorini

    Variante dei saltimbocca di vitello, con crema di cipolla, salvia e pomodorini
    Variante dei saltimbocca di vitello, con crema di cipolla, salvia e pomodorini

    • Difficoltà: 4 su 5
    • Origine: Roma
    • Quando si prepara: sempre
    • Come si gusta: una cena in famiglia

    Tempo di preparazione: 20 minuti

    Tempo di cottura: 20 minuti

    Ingredienti per 2 persone:

    • 200g di carne di vitello tagliata a fettine sottilissime
    • una decina di foglie di salvia
    • una foglia d’alloro
    • mezza cipolla
    • una dozzina di pomodorini ciliegino
    • olio evo qb
    • sale qb
    • basilico in polvere qb
    • 5/6 fette (della dimensione delle sottilette) di scamorza
    • 5/6 fette di prosciutto cotto
    • stuzzicadenti
    • 50ml di latte
    • 100ml di vino rosso
    • Farina qb

    Preparazione:

    1. Mettere da parte 2 o 3 foglie di salvia per guarnire il piatto. Tritare le altre foglie.
    2. Stendere tutte le fettine su una spianatoia e tagliare le fette di scamorza e le fette di prosciutto cotto della dimensione delle fettine, lasciandole però più piccole di circa un centimetro per lato.
    3. Spolverare le fettine con un pizzico di sale e di salvia tritata.
    4. Adagiare sopra ciascuna fetta un pezzo di formaggio e successivamente un pezzo di prosciutto.
    5. Arrotolare le fettine e bloccarle con lo stuzzicadenti.
    6. Passare i saltimbocca creati nella farina (senza esagerare).
    7. Tritare la cipolla e tagliare a metà i pomodorini.
    8. In una padella versare un filo d’olio e la cipolla tritata. Accendere a fuoco medio e far rosolare la cipolla per 5 minuti.
    9. Successivamente aggiungere i pomodorini e lasciar cuocere per altri 5 minuti.
    10. Aggiungere la salvia tritata rimanente e i saltimbocca, versare il vino e sfumare per 5 minuti.
    11. Aggiungere il latte e lasciare cuocere per altri 5 minuti (se la bagnetta risultasse troppo asciutta, aggiungere un po’ d’acqua).
    12. Salare, se necessario.
    13. Disporre i saltimbocca in un piatto da portata, spolverare con del basilico in polvere e decorare con le foglie di salvia intere.

    NOTA: i saltimbocca originali prevedono il prosciutto crudo e nascono a Roma, ma sono presenti anche nella cucina popolare di Svizzera, Spagna e Grecia.

    Pollo al limone alla Dani

    pollo al limone alla dani
    pollo al limone alla dani

    • Difficoltà: 3 su 5
    • Origine: la mia testa
    • Quando si prepara: sempre
    • Come si gusta: Con una insalata di pomodori conditi con il limone

    Tempo di preparazione: 10 minuti

    Tempo di cottura: 20 minuti

    Ingredienti per 4 persone:

    • 500g di petto di pollo (circa un petto)
    • 40g di farina integrale
    • una cipolla rossa
    • un limone
    • una noce di burro
    • mezzo bicchiere d’acqua
    • un pizzico di curcuma
    • sale qb
    • pepe qb
    • olio evo
    • un ciuffo di menta fresca per decorare il piatto (opzionale)

    Preparazione:

    1. Tagliare il petto di pollo a pezzi di circa 2 centimetri e metterli in una ciotola.
    2. Versare nella stessa ciotola la farina, un pizzico di curcuma, un pizzico di sale e un pizzico di pepe. Mescolare per amalgamare gli ingredienti.
    3. Tagliare la cipolla a julienne e metterla in una padella.
    4. Versare nella padella un filo d’olio evo e la noce di burro. Accendere il fuoco e lasciare soffriggere per 5 minuti a fuoco medio.
    5. Versare nella padella i pezzi di petto di pollo, alzare la fiamma e soffriggere per 5 minuti mescolando in continuazione.
    6. Aggiungere mezzo bicchiere d’acqua, abbassare la fiamma e cuocere per 5 minuti, mescolando spesso.
    7. Nel frattempo tritare finemente la scorza di mezzo limone.
    8. Versare il succo di un limone nella padella e aggiungere la scorza tritata, alzare la fiamma e sfumare il limone per circa 3/4 minuti.
    9. Servire in un piatto da portata decorando con un ciuffo di menta fresca.

    NOTA: questo è un po’ il mio cavallo di battaglia in quanto è il piatto che ho cucinato di più ed è tra quelli che più piacciono a mia moglie Lucy, che è anche il mio giudice severo.

    Ravioli di carne fatti in casa burro e salvia


    • Difficoltà: 5 su 5
    • Origine: Italia 🇮🇹
    • Quando si prepara: nelle occasioni di festa
    • Come si gusta: in compagnia della famiglia e/o degli amici

    Tempo di preparazione: 2 ore

    Tempo di cottura: 10 minuti

    Ingredienti per 4 persone:

    • 400g di pasta fatta in casa (vedi la ricetta cliccando su questo link
    • 200g di carne tritata
    • 35g di formaggio grattugiato
    • Un bicchiere di vino bianco
    • 2 noci di burro
    • 20 foglie di salvia
    • Sale qb
    • Pepe bianco qb
    • Uno spicchio d’aglio
    • Olio evo qb

    Preparazione:

    1. In una padella versare un filo d’olio e l’aglio schiacciato. Fare rosolare per alcuni minuti.
    2. Togliere l’aglio e versare la carne. Lasciare rosolare a fuoco vivo per una decina di minuti (finché l’acqua generata dalla carne si sia asciugata completamente).
    3. Sfumare con il vino per 2 minuti.
    4. Spegnere la fiamma e versare il formaggio grattugiato.
    5. Prendere le sfoglie di pasta fresca e adagiarle su una spianatoia infarinata. Tagliarle a triangoli di circa 3 cm per lato.
    6. Al centro di metà dei quadrati mettere un mucchietto di carne.
    7. Con le dita o un pennellino, bagnarlo nell’acqua e passarlo sui bordi con le dita.
    8. Chiudere i ravioli con l’altra metà dei triangoli e premere bene i bordi con le dita.
    9. In una pentola mettere a bollire abbondante acqua salata.
    10. Lavare la salvia, asciugarla bene e tritarla.
    11. Quando l’acqua bolle versare i ravioli 🥟 e cuocerli per circa 6 minuti.
    12. Scolare i ravioli tenendo mezzo bicchiere di acqua di cottura e riversare i ravioli nella pentola.
    13. Aggiungere il burro e la salvia tritata, mescolare bene. Se risultasse troppo secca aggiungere un po’ d’acqua di cottura.
    14. Servire con una spolverata di formaggio grattugiato.

    Pasta fresca menta e limone


    • Difficoltà: 2 su 5
    • Orgine: nella mia mente questa mattina 🙂
    • Quando si prepara: in estate sarebbe l’ideale, ma va bene sempre
    • Come si gusta: sotto il sole e con un vino leggero 🙂

    Tempo di preparazione: 5 minuti

    Tempo di cottura: 5 minuti

    Ingredienti per 4 persone:

    • 400g di cavatelli (o qualsiasi tipo di pasta fresca)
    • 20 foglie di menta
    • la scorza di un limone
    • uno spicchio d’aglio in camicia
    • olio evo qb
    • sale qb
    • una noce di burro

    Preparazione:

    1. In una pentola versare dell’acqua, salarla e portarla a ebollizione.
    2. In una padella, versare un filo d’olio e aggiungere lo spicchio d’aglio schiacciato. Far rosolare a fiamma bassa per qualche minuto.
    3. Lavare, asciugare e tritare la menta, lasciando un ciuffetto per decorare il piatto e mettere da parte.
    4. Tagliare la scorza del limone (solo la parte gialla), tritare anch’essa e mettere da parte.
    5. Togliere l’aglio dalla padella, spegnere il fuoco e versarci la menta e la scorza del limone (lasciandone un pizzico da parte). Mescolare.
    6. Versare la pasta fresca nell’acqua bollente e cuocerla (in genere si cuoce in 4/5 minuti).
    7. Appena la pasta fresca è cotta, scolare, tenendo da parte mezzo bicchiere di acqua di cottura.
    8. Versare la pasta nella padella, versare l’acqua di cottura precedentemente messa da parte e la noce di burro.
    9. Mescolare bene tutti gli ingredienti.
    10. Servire spolverando sul piatto un po’ di scorza di limone tritata e un ciuffetto di menta.

    NOTA: Se sei amante del limone, nulla ti vieta di spremerci sopra anche il limone stesso e non usare solo la scorza. Fallo pero’ appena versi la menta e la scorza in padella, cosi un po’ evapora mentre l’olio è ancora caldo. Se vuoi gli puoi anche spolverare sopra del pecorino o del parmigiano, ma personalmente credo che verrebbe un po’ coperto il suo gusto vivace.

    Capelli d’angelo aglio, olio e peperoncino

    capelli d’angelo aglio olio e peperoncino
    capelli d’angelo aglio, olio e peperoncino

    • Difficoltà: 4 su 5
    • Origine: Italia 🇮🇹
    • Quando si prepara: quando ne hai voglia
    • Come si gusta: con un vino rosso, ma anche la birra va bene

    Tempo di preparazione: 1h

    Tempo di cottura: 5 minuti

    Ingredienti per 4 persone:

    • 400g di capelli d’angelo fatti in casa. Per la ricetta della massa segui questo link
    • 2 spicchi d’aglio
    • 4 cucchiai di olio evo
    • Peperoncino in polvere qb
    • Sale qb

    Preparazione:

    1. Stendere la pasta in modo tale da ottenere delle sfoglie (vedi ricetta della pasta fresca).
    2. Passare le sfoglie nell’apposito attrezzo ed ottenere così la forma a “capelli d’angelo”.
    3. Mettere a bollire in una pentola dell’acqua salata e versarci i capelli d’angelo.
    4. In una padella versare l’olio, accendere la fiamma 🔥 e aggiungere lo spicchio d’aglio schiacciato.
    5. Dopo 5 minuti spegnere tutti i fuochi, scolare la pasta e versarla nella padella con olio e aglio; aggiungere il peperoncino e mescolare.
    6. Togliere l’aglio e trasferire su un piatto da portata.
    7. Spolverare con altro peperoncino e servire.

    NOTA: ovviamente si possono usare anche gli spaghetti, se non avete voglia o non avete tempo. Ma se vi capiterà almeno una volta di provare a fare anche questo piatto con la pasta fresca non ve ne pentirete di certo.

    Ravioli di carne fatti in casa al sugo

    Ravioli di carne fatti in casa al sugo

    • Difficoltà: 5 su 5
    • Origine: Italia
    • Quando si prepara: La domenica (c’è un po’ di lavoro da fare)
    • Come si gusta: con un buon vino rosso

    Tempo di preparazione: 2 ore

    Tempo di cottura: 10 minuti

    Ingredienti per 2 persone:

    • 200g di pasta fatta in casa (vedi la ricetta cliccando su questo link)
    • 200g di carne tritata (meglio se è di scamone)
    • mezza carota
    • mezza cipolla
    • mezzo gambo di sedano
    • 35g di formaggio grattugiato (grana padano)
    • mezzo bicchiere di vino bianco
    • sale qb
    • pepe qb
    • olio evo qb
    • 300g di salsa di pomodoro
    • una foglia d’alloro
    • uno spicchio d’aglio

    Preparazione:

    1. Lavare e tritare la carota, la cipolla e il gambo di sedano molto sottilmente.
    2. In una padella versare un filo d’olio e versarci le verdure tritate. Accendere la fiamma e soffriggere a fuoco medio per 5/6 minuti.
    3. Versare ora la carne tritata e continuare a soffriggere per altri 5 minuti, mescolando bene.
    4. Versare il vino e sfumare a fiamma viva per 2 minuti.
    5. Spegnere la fiamma e versare il formaggio grattugiato. Mescolare bene per amalgamare il tutto. Mettere da parte.
    6. Prendere le sfoglie di pasta fresca e adagiarle su una spianatoia infarinata. Tagliarle in quadrati di 2 o 3 cm per lato.
    7. Al centro di metà dei quadrati mettere un mucchietto di carne.
    8. Con le dita o un pennellino, bagnarlo nell’acqua e passarlo sui bordi di ciascun quadrato.
    9. Chiudere i ravioli con l’altra metà dei quadratini, chiudendo bene i bordi con le dita.
    10. In una pentola mettere a bollire abbondante acqua salata.
    11. In una padella (può essere usata la stessa sulla quale si è preparata la carne), versare un filo d’olio e lo spicchio d’aglio schiacciato. Accendere il fuoco e lasciare soffriggere l’aglio per 2/3 minuti.
    12. Versare nella padella la salsa di pomodoro e la foglia d’alloro. Salare e pepare.
    13. Intanto buttare i ravioli nell’acqua bollente e cuocerli. Mescolare spesso.
    14. Quando i ravioli sono cotti, versarli nella padella con la salsa. Spegnere il fuoco, togliere l’aglio e mescolare per amalgamare bene tutto.
    15. Servire in un piatto da portata spolverando con del pepe.

    NOTE: Sapevate che il raviolo è nell’elenco del P.A.T.? Il PAT è un elenco ufficiale di prodotti agroalimentari tradizionali italiani (cioè una garanzia di italianità). L’elenco fu istituito dal ministero delle politiche agricole alimentari e quest’anno (il 2019) il record lo detiene la Campania con ben 531 specialità registrate. (fonte wikipedia).